menu

Il Metodo

E' un sistema di allenamento codificato nel 1926 a New York da Joseph Pilates. Il metodo Pilates, all’inizio chiamato Contrology, stimola l’uso della mente per controllare i muscoli e tutto il corpo in ogni movimento, richiedendo quindi sempre una grande concentrazione (mente-corpo). Solo dopo aver acquisito il controllo sul corpo con la mente si potrà iniziare a cambiare il proprio corpo. E’ un programma di esercizi che si concentra sui muscoli posturali, ovvero quei muscoli che aiutano a tenere il corpo ben bilanciato ed equilibrato dando supporto alla colonna vertebrale.

Il Pilates è riabilitativo nei disturbi posturali (lombalgie, discopatie) in quanto attraverso il controllo di ogni movimento, lavorando su tutti i piani spaziali e in sinergia tra addome e zona lombare, aiuta a ritrovare l’equilibrio muscolare necessario per mantenere una colonna vertebrale in grado di conservare le proprie curve naturali e il giusto allineamento del corpo a riposo e in movimento. La maggior parte degli esercizi si eseguono con i muscoli in isometria cioè in allungamento, e questo contrasta le eventuali contrazioni muscolari (retrazioni) dovute ad errate abitudini lavorative protratte nel tempo, a traumi psicologici ed emotivi, ad una errata percezione del proprio corpo.

Il Pilates è anche indicato nella riabilitazione post operatoria ad esempio dopo interventi ai legamenti del ginocchio, dopo la rimozione di un’ernia discale, una frattura della spalla in quanto migliora la forza muscolare e la mobilità articolare. E’ inoltre un’ottima tecnica di tonificazione per rassodare i glutei, modellare le gambe, assottigliare la vita, rafforzare le braccia. Il programma è personalizzato attraverso esercizi mirati alle proprie necessità che tengano conto di eventuali patologie.

Coordinando i movimenti con la respirazione, lavorando sulla concentrazione e sulla precisione si raggiungeranno dei movimenti fluidi e potrai conquistare un corpo nuovo e, cosa importante, riacquisire la consapevolezza di te stesso raggiungendo il vero benessere: l’equilibrio tra corpo e mente.

Perchè le Macchine

Gli attrezzi Pilates offrono maggiori benefici rispetto agli esercizi Matwork (corpo libero), in quanto consentono di sfruttare la resistenza variabile offerta dalle molle cosicché migliorerà la forza e il controllo dei movimenti, oppure si potranno eseguire delle posizioni che altrimenti sarebbero impossibili.

Inoltre le parti mobili di questi attrezzi agevolano un’esecuzione armoniosa e controllata dei movimenti, stimolando la ricerca dell’equilibrio da un lato e offrendo stabilità e controllo dall’altro.

   

Reformer

E’ l’attrezzo che costituisce la parte centrale della metodologia Pilates ed è il più versatile consentendo l’esecuzione di esercizi sia di stretching, di rafforzamento, di mobilità che di equilibrio.

E’ composto da una serie di molle funi e cinghie collegate ad un carrello mobile, e utilizzando le braccia, le gambe, inserite nelle cinghie, si spinge il corpo in avanti o indietro sul carrello mobile vincendo la resistenza offerta dalle molle e dal peso del corpo.

Gli esercizi si possono eseguire posizionandosi sdraiati, seduti, in ginocchio o in piedi sul carrello.

   

 

 

 

 

 

Cadillac

La cadillac (nota anche con il nome di trapeze table) è un attrezzo efficace sviluppato da Joseph Pilates quando egli, durante la prima guerra mondiale, lavorava come inserviente presso l’ospedale di un campo di internamento sull’isola di man, dove si occupava della riabilitazione dei feriti di guerra. 

Per preservare la forza e la mobilità dei pazienti costretti a letto, Joseph Pilates fissò delle molle ai letti creando il prototipo della Cadillac.

La sua intuizione ebbe degli ottimi risultati sui pazienti che guarirono più velocemente superando le patologie dovute alle ferite e alle menomazioni raggiungendo uno stato di salute più elevato.

Anche questa macchina è costituita da una serie di parti mobili regolabili e da molle in grado di offrire resistenza, il tutto collegato ad una struttura composta da montanti che ricorda quella di un letto a baldacchino. La Cadillac è particolarmente adatta al training dei seniores e nell’ambito della riabilitazione. 

 

 

 

Chair 

La Chair contribuisce a migliorare la forza e la flessibilità, mette alla prova la stabilità l’equilibrio e la capacità di controllo in varie posizioni (in piedi, seduti o sdraiati). Richiede una notevole sintonia tra corpo e mente e quindi concentrazione.

Anche questa macchina è dotata di molle con diverse possibilità di aggancio (più resistenze) che permettono un adattamento alle necessità dei diversi clienti e l’esecuzione di tantissime combinazioni di movimenti per rafforzamento, coordinazione e bilanciamento.

 

 

 

 

 

  

Matwork

L’allenamento Pilates a corpo libero è chiamato matwork perché si esegue sul materassino (mat). E’ un programma di esercizi eseguiti in maniera fluida e continuativa che pongono l’attenzione soprattutto sulla postura. Si parte da un livello base fino ad arrivare a livelli più avanzati lavorando il corpo nella sua globalità. Successivamente si possono utilizzare anche dei piccoli attrezzi per aumentare la difficoltà o per aiutare nell’esecuzione dei movimenti.

Gli attrezzi più conosciuti sono:

Roller

Stimola la mobilità articolare. 

Per la sua natura instabile e la sua ridotta superficie è ideale per mettere alla prova la capacità del corpo di conservare l’equilibrio e il controllo.

Aiuta a conservare il corretto allineamento del corpo

Circle

Questo attrezzo circolare, munito di due maniglie laterali, aiuta molto a rinforzare il centro (addome, pavimento pelvico, muscoli dorsali), ma è ottimo anche per le gambe (abduttori, adduttori)

Palla Pilates

Mette alla prova la mobilità e il controllo articolare

Può sostenere il corpo in alcuni esercizi rendendoli più semplici e sicuri

Grazie alla sua natura instabile e alle sue ridotte dimensioni sviluppa i muscoli più profondi e l’equilibrio.

Fascia elastica

La resistenza offerta dalla fascia elastica può essere sfruttata in vari modi:

  • Per semplificare gli esercizi difficili grazie al sostegno fornito alla parti del corpo a contatto con la fascia
  • Per aumentare la difficoltà di un esercizio incrementando la resistenza già offerta dalla forza di gravità

Risulta un ottimo attrezzo per potenziare la muscolatura e mobilizzare le articolazioni.